Pubblicato in: edilizia

CEMENTO AL MARE

Nel Consiglio Comunale di fine marzo il Movimento 5 Stelle esprimeva un fermo voto contrario per la realizzazione di nuove opere a carattere commerciale/servizi in via al Mare, in quanto a nostro avviso questa “iniziativa” non doveva nemmeno essere presentata. Stranamente allora tutto passò sotto traccia.

Ma sappiamo che spesso “i nodi vengono al pettine” ed ora siamo giunti alla Conferenza Territoriale Preliminare, in cui si riuniranno le amministrazioni comunali della Valconca e del distretto sud della provincia per discutere riguardo a un “atto” che, a nostro avviso, sembra più un affronto.

Sono giorni che sui giornali si leggono esternazioni dei Sindaci e dei rappresentanti delle categorie commerciali e dell’artigianato contro questo progetto, fuori dal tempo e dall’attuale contesto economico e che serve solo e unicamente a fare cassa. Le opere pubbliche prospettate sono solo fumo negli occhi e se veramente di vitale importanza potrebbero essere realizzate intraprendendo altre strade.

Ecco qualche esempio:

Il Comune di Morciano, facendo proprie le preoccupazioni già manifestate da associazioni di categoria e consorzi di commercianti, esprimerà parere contrario a questo progetto, considerandolo non funzionale allo sviluppo e alla riqualificazione del territorio e del suo tessuto economico locale” (Fonte Giornale di Cattolica.com)

“Il giudizio di Confesercenti è decisamente negativo, e mi auguro che mercoledì in Conferenza dei servizi vi sia un ripensamento sul piano per la realizzazione di nuove superfici commerciali a San Giovanni in Marignano. Fabrizio Vagnini presidente provinciale di Confesercenti Rimini” (Fonte: Giornale di Cattolica.com)

“Anche il sindaco di Cattolica si schiera con Confartigianato contro l’arrivo di nuovi outlet a San Giovanni in Marignano. In Valconca la tensione è palpabile. L’intervento sarà discusso domani da tutti i sindaci del distretto sud della provincia di Rimini. Gennari dal canto suo esprime grande perplessità in merito a un’opera che rischia di mettere in ginocchio i nostri centri storici” (Fonte: Giornale di Cattolica.com)

Continua a leggere “CEMENTO AL MARE”

Annunci
Pubblicato in: ambiente

Il mercato dei rifiuti

La domanda posta dal Movimento Marignanese:

“Quanto guadagniamo dalla vendita  di ogni singola tipologia di rifiuto differenziata nel NOSTRO comune?”

La risposta in “burocratese” e tanto attesa giuntasi da Atersir (http://www.atersir.it/):

“Nello specifico le voci di ricavo legate all’avvio a recupero dei rifiuti raccolti in maniera differenziata sono calcolate pianificando una quantitativo di rifiuti che si prevede il gestore raccolga nel corso dell’anno e moltiplicando tale quantitativo previsionale per il ricavo medio unitario, espresso in €/tonnellata, derivante dalla rendicontazione a consuntivo trasmessa dal gestore attraverso il formato della D.G.R. 754/2012.”

Tradotto: Il sistema non è in grado (o non vuole, o non è interessato), di fornire la completa tracciabilità della vendita delle varie tipologie di rifiuto.  Si fa un bel CONTO UNICO e lo si divide fra i vari comuni.

Per ognuno di questi si avrà quindi una “cifra totale” fornita ogni anno con il PEF, il Piano economico Finanziario riguardante il servizio di raccolta che viene votato in Consiglio Comunale.

Perché chiediamo la “tracciabilità”? perché serve a poco dire “abbiamo raggiunto il 70% di differenziata” se la plastica, che può valere 200 euro/ton, ce la pagano 25 euro, perché differenziata male o, peggio, perché si fa di “tutta l’erba un fascio…” Continua a leggere “Il mercato dei rifiuti”

Pubblicato in: amministrazione morelli, riviera golf

…E adesso?

Era il 5 agosto 2016…

il Movimento 5 stelle Marignanese chiedeva lumi in merito al “non accatastamento” nella corretta categoria D6 di gran parte dell’impianto golfistico 18 buche presente sul territorio. Quasi un fulmine a ciel sereno per gli stessi rappresentanti del Movimento, sicuramente una “scossa” per chi è chiamato ad amministrare un ente pubblico. . Come abbia potuto essere “mal accatastato” per oltre un decennio, come sia potuta partire l’attività (al tempo inaugurata alla presenza di eminenti politici) rimarrà un mistero che non ci interessa risolvere. Da forza di opposizione attenta alle dinamiche della politica locale, al Movimento   interessava solo capire se questo presunto erroneo accatastamento avesse comportato delle mancate entrate nelle casse comunali, notoriamente sempre in affanno a causa dei continui tagli. I proventi Imu sono linfa vitale, anche in modiche cifre, soprattutto in un comune come il nostro che fra tante vicissitudini, attività finite a gambe all’aria e il famigerato Compartone mai partito ha visto registrare mancati incassi più che consistenti.

Dopo il tam tam mediatico, i social e il “folklore paesano” di quel fine estate, l’azione politica di studio e monitoraggio dell’opposizione non poteva esaurirsi nell’attesa dei tempi della burocrazia, e per evitare i tempi della prescrizione abbiamo voluto seguire da vicino l’intero iter. Continua a leggere “…E adesso?”

Pubblicato in: politica

Esimio Assessore …

Anche questa volta il nostro Assessore al web ed eventuali, ha voluto scrivere il suo papocchio estivo. Tralasciando la solita, ormai noiosa, sfilza di aggettivi: arroganti, ignoranti, prepotenti, disonesti.

Questa volta ci preme porre l’accento sulla supercazzola (cit.) dei pannolini lavabili, “in cui probabilmente non hanno creduto gli stessi proponenti”.

Esimio Assessore, le ricordo che è lei insieme ad altri che amministrano, governano, gestiscono (usi il verbo che più le confà), questo Comune e come tale se un’iniziativa, votata favorevolmente anche da lei, non raggiunge i risultati attesi non per forza deve essere invalidata, ma un bravo amministratore come è Lei, coregge il tiro e come in questo caso, cerca gli strumenti piu’ idonei per educare il cittadino ad un comportamento più ecologico, dal minore impatto ambientale.

Invece lei deride. Continua a leggere “Esimio Assessore …”

Pubblicato in: ambiente

Rue e il nostro territorio

Il Regolamento Urbano Edilizio (RUE) è in corso di discussione tramite apposita commissione temporanea. Per quanto i temi di edilizia siano predominanti, ci sentiamo di fare un appunto anche sulle zone rurali, seppur sempre classificate e tutelate da questo strumento.

San Giovanni è un comune con oltre 80% di territorio agricolo, e annovera nella sua cartografia molte “strade vicinali”, quelle stradine di campagna, spesso con un trascorso storico, che da bambini percorrevamo senza il pericolo del traffico, fra alberi e cespugli (raccogliendo more o bacche..). Continua a leggere “Rue e il nostro territorio”