Pubblicato in: compartone

SCELTA “SENSATA” O SCELTA “OBBLIGATA”?

verita

 

 

 

 

 

 

In questi giorni, sia sulla stampa locale che sui social network, la Giunta Morelli sta dando l’ennesima prova che il suo metodo migliore di comunicazione con i suoi cittadini è la disinformazione. Quella che appare ed è stata venduta come una scelta ponderata e coraggiosa nell’unica direzione della tutela dell’interesse pubblico, in realtà è il risultato di una spaccatura all’interno della maggioranza sul tema “Compartone”.

Questa realtà  si è palesata fin dal primo Consiglio comunale  (11 agosto 2014 di cui ovviamente nei vari comunicati dell’ Amministrazione ci si guarda bene dal farne riferimento),  convocato per l’approvazione del Piano Particolareggiato, e che ha visto rinviare le proposte di delibera n. 4 e 5 riguardanti proprio il Comparto C2-4, motivando la scelta con la necessità di  eseguire ulteriori approfondimenti da parte dei  consiglieri di maggioranza . Chi era presente quella sera non ha potuto fare a meno di ascoltare le frasi, alcune delle quali irripetibili per pubblico pudore, dell’ esponente della Nuova San Giovanni al telefono con un avvocato, riferite al Sindaco e alla Giunta, “accusati” di essersi fatti intimidire dalla presenza di cento cittadini in Consiglio Comunale e di non avere gli attributi per imporsi con il proprio gruppo.
Al termine della seduta tutto il gruppo di maggioranza venne “catechizzato” dall’allora segretario Palmetti Corrado. Con il risultato che fu riconvocato nel giro di qualche giorno un nuovo Consiglio Comunale “ad hoc”.
Continua a leggere “SCELTA “SENSATA” O SCELTA “OBBLIGATA”?”

Annunci
Pubblicato in: compartone

Compartone Non Attuabile

GIURATOCi si può rinfacciare di essere ancora un po’ acerbi dal punto di vista amministrativo (a giudizio di qualche attuale amministratore), ma di certo non ci si può accusare di non conoscere le dinamiche della politica in generale e di quella marignanese in particolare.
Basta andare a rileggere i nostri post, fin dai primi durante la campagna elettorale, per rendersi conto che abbiamo sempre previsto con largo anticipo cosa sarebbe successo.
Un esempio su tutti il Compartone.

Al punto in cui siamo non si tratta più di una questione urbanistica (sulla quale si potrebbe comunque dibattere), ma di una questione di opportunità e tutela dell’interesse pubblico. Quell’interesse pubblico, rappresentato dalla realizzazione delle opere di urbanizzazione, tanto sbandierato dalla maggioranza durante la seduta di approvazione del Piano Particolareggiato.
Quell’interesse pubblico che potrebbe essere perseguito anche attraverso una “maggiore” (per usare un eufemismo) trasparenza da parte dell’amministrazione.

Un’ amministrazione che si rifiuta di approvare il Question Time, uno strumento che potrebbe gettare le basi per una maggiore partecipazione e coinvolgimento dei cittadini alle sedute del Consiglio Comunale, affermando di ricevere già a sufficienza il pubblico in Municipio. Un’ Amministrazione che sembra dimenticarsi di avere un Regolamento per la partecipazione approvato nel 2006. Un’ amministrazione che si fa forte dei voti ottenuti alle ultime elezioni, ma che ha omesso di trattare alcuni temi durante la campagna elettorale e ha dipinto come forcaioli chi tentava di farlo. Continua a leggere “Compartone Non Attuabile”

Pubblicato in: compartone, consiglio comunale, edilizia

E’ UN ATTO DOVUTO

Nel Consiglio Comunale di martedì 19 agosto, si è assistito all’ennesima farsa, in breve tempo, di questa seppur giovane (in quanto insediatasi il 26 maggio scorso) amministrazione. Abbiamo, come cittadini, ricevuto lezioni di lungimiranza e capacità programmatica generale e urbanistica in particolare, dai seguenti componenti del gruppo di maggioranza: Assessore William Damiani, Assessore Gabellini Nicola, Assessore Tasini Maura, Consigliere Della Biancia Gianmarco. Addirittura c’è stato anche l’intervento conclusivo del desaparecidos Sindaco Morelli che fino a ieri sera, a parte indossare la fascia al primo Consiglio d’insediamento e ricordare ogni 10 minuti che esiste un regolamento da rispettare, per poi essere il primo ad infrangerlo, risultava non pervenuto come la temperatura di Roccacannuccia alle previsioni del tempo. Ma tranquilli, non è intervenuto nel merito, al di fuori della sua portata soprattutto senza potersi servire del gobbo. Gli altri interventi, tutti mirati a osannare il grande interesse pubblico del Comparto C2-4, oltre a spacciarlo per un “atto dovuto” nascondendo la testa sotto la sabbia come gli struzzi, sono stati fatti da chi, da 20 anni si occupa di bilancio e ha portato il nostro comune allo stato di fatto in cui si trova. Indebitamento tale da impedire accensione di nuovi mutui per non si sa quanti anni (la ridotta capacità finanziaria di fare investimenti del nostro Comune avrebbe dovuto essere già un campanello d’allarme acceso sui dubbi della realizzazione della edilizia residenziale pubblica) e aliquote al massimo, come in nessun altro comune della Provincia. Continua a leggere “E’ UN ATTO DOVUTO”