Pubblicato in: consiglio comunale

L’ordine delle priorità

Come sempre dopo il Consiglio Comunale è partito il tam tam di discredito verso il voto dei 5 stelle e questa volta non ha fatto eccezione. Volevo rassicurare quelli preoccupati che i “5 stelle sono contro la ristrutturazione della Chiesa di Santa Lucia “, che come sempre la verità è ben diversa da quella che vogliono fare apparire. Il voto contrario alla variazione di bilancio non poteva essere diverso, in quanto nell’interesse delle fasce piu’ deboli quelle che hanno maggiore bisogno di tutela assoluta e incondizionata, che con questa variazione li vede penalizzati.

Andiamo con ordine.

A ) Sono cinque anni che ad ogni consiglio utile chiedono di mettere mano alla ristrutturazione della Chiesa e in questi 5 anni questa amministrazione non ha fatto nulla se non futili palliativi che non hanno portato a niente. La soluzione sarebbe stata accantonare ogni anno 20.000/25.000 euro come avevamo proposto a suo tempo, ma non è stato fatto.

B) A 2 mesi dalle elezioni dicono di aver trovato i fondi ( 100.000 euro ) sulla carta per la Chiesa. Dicono perché ancora di concreto non c’è un centesimo, non c’è un progetto non c’è niente se non un foglio con dei numeri. Di quei 100.000 ( basteranno? ) 30.000 devono venire da sponsor privati che ad oggi non risultano esserci e la restante parte dalle casse del Comune. Se a suo tempo si fosse fatto il fondo speciale proposto, ora ci sarebbero i soldi veri.

C ) A seguito di una interrogazione sulla situazione antisismica delle scuole è emerso che ci sono delle strutture che meritano particolare attenzione e a tal proposito si sono presi impegni per il 2020 e il 2021 (140.000 euro ogni anno).

La proposta del Movimento era quella di iniziare i lavori già nel 2019 perché la sicurezza delle persone, in questo caso dei bambini, viene prima di tutto e al di là di ogni ragionevole dubbio. L’idea era quella di usare i fondi stanziati per la Chiesa ( trovandoli il prima possibile nelle casse comunali) e posticipando i lavori sulla Chiesa nel 2020/21. La maggioranza ha deciso che la ristrutturazione di un edificio scolastico può aspettare fino all’estate del 2020 e che per il 2019 è più importante altro. Queste sono scelte politiche, il nostro gruppo consigliare avrebbe sicuramente concentrato tutti gli sforzi economici verso l’adeguamento sismico del patrimonio scolastico il prima possibile.