Pubblicato in: politica

Esimio Assessore …

Anche questa volta il nostro Assessore al web ed eventuali, ha voluto scrivere il suo papocchio estivo. Tralasciando la solita, ormai noiosa, sfilza di aggettivi: arroganti, ignoranti, prepotenti, disonesti.

Questa volta ci preme porre l’accento sulla supercazzola (cit.) dei pannolini lavabili, “in cui probabilmente non hanno creduto gli stessi proponenti”.

Esimio Assessore, le ricordo che è lei insieme ad altri che amministrano, governano, gestiscono (usi il verbo che più le confà), questo Comune e come tale se un’iniziativa, votata favorevolmente anche da lei, non raggiunge i risultati attesi non per forza deve essere invalidata, ma un bravo amministratore come è Lei, coregge il tiro e come in questo caso, cerca gli strumenti piu’ idonei per educare il cittadino ad un comportamento più ecologico, dal minore impatto ambientale.

Invece lei deride.

Le ricordiamo, esimio Assessore, che è stato lei e la sua giunta a stravolgere completamente la proposta del Movimento, inserendo fra i tanti paletti per farla fallire, il tetto del reddito. Tetto che non era necessario in quanto non aiuto sociale, ma incentivo ecologico. Piu’ volte è stato richiesto un incontro per valutare correzioni all’incentivo per renderlo piu’ appetibile, ma ad oggi nessuna risposta, attendiamo fiduciosi.

Comunque, esimio Assessore, non si preoccupi, se veramente lo vuole può far togliere il tetto di reddito tanto se a nessuno interessa non spenderà nemmeno un centesimo.

Di cosa ha paura? Ha paura che qualcuno richieda l’incentivo non essendoci più la soglia di reddito e di farci una brutta figura, essendo lei il primo a non credere in questo strumento di risparmio ecologico? Sicuramente non è così, perché a lei interessa al di là di ogni cosa il bene del cittadino e quindi se l’iniziativa avrà successo non potrà che rallegrarsi, sotto ogni punto di vista.

Forza esimio Assessore, faccia la cosa giusta e non quello che le conviene politicamente.

Annunci