Pubblicato in: bilancio

Il fumo negli occhi

L’amministrazione comunale in questi giorni ha pubblicato a mezzo stampa una nota su quanto fatto nel 2014 a favore dei cittadini. Fra i principali punti di vanto per l’amministrazione la diminuzione delle tasse: i cittadini hanno visto nel complesso ridursi la bolletta (afferma la giunta Morelli), il taglio delle spese per 215.000 euro e investimenti (o) nella scuola di Santa Maria grazie ad un avanzo di bilancio generato nel 2013.

Ci sarà modo piu avanti di scendere nel dettaglio del taglio delle spese di 215.000,00 € per vedere che non sono stati tagliati gli sprechi o razionalizzate le spese ma si è inciso anche sul sociale e nella funzione dell’istruzione.

Ritorneremo inoltre sull’unico investimento di rilievo programmato nel 2014, ma non ancora messo in opera, ossia la Scuola Materna a Santa Maria. Ci teniamo però  a precisare che l’avanzo di bilancio non è del 2013 ma si è formato negli anni precedenti ed è frutto di maggiori tasse chieste ai cittadini in un momento di crisi. Un buon amministratore cerca di chiedere il minimo indispensabile ai cittadini (quando serve) e non crea tesoretti quando non se ne ha la necessità e per giunta generati non da risparmi ma maggiori tasse.

In questa occasione vogliamo soffermarci sulla minore bolletta (tasse n.d.r.) che i cittadini avrebbero dovuto pagare nel 2014 secondo la giunta Morelli e far parlare i numeri.

Nel 2013 la pressione tributaria a persona era di 645,33 mentre nel 2014 è stata di 716,58 quindi + 71,25 € a persona .

Questi sono numeri, non fumo negli occhi e i numeri dicono che la bolletta per i marignanesi e tutt’altro che diminuita.

Annunci