Pubblicato in: edilizia

Il gioco delle 3 carte

Immagine

La sfrontatezza di certe persone non ha limiti. Siamo stati accusati di fare il gioco “delle tre carte” da un attuale componente della Giunta Comunale, solo perché ci siamo permessi di chiedere come mai non fosse stato portato in Consiglio Comunale il Bilancio di previsione 2014, che sarebbe stato uno strumento utile, oltre che ai cittadini, diretti interessati, anche al dibattito politico in vista della prossima scadenza elettorale.

Per tutta risposta l’Assessore ci dice “dite Voi (M5S) cosa intendete fare per la tassazione”. Poco corretto rispondere ad una domanda con un’altra domanda e trincerarsi dietro la frase “voi fatei il gioco delle tre carte”, soprattutto da parte di chi in qualità di assessore/consigliere, fra bilanci di previsione e consuntivi, ne ha approvati una decina e quindi conosce perfettamente i numeri.

Con questo post vorrei portare un esempio, che dimostri CHI, in realtà, fa il gioco delle tre carte (tutto documentabile in quanto tutti atti pubblici), perché i programmi elettorali sono importanti, ma non meno della CREDIBILITA’ di chi ce li  espone e propone.

Parliamo di SCUOLE.

Partiamo dal risultato più eclatante (o quasi): scuola materna di Santa Maria chiusa a marzo 2014 in quanto dalle verifiche effettuate a dicembre 2013 sono risultati, citiamo testualmente  “problemi inerenti la sicurezza della struttura in riferimento ai carichi verticali, in particolare solaio di piano, travi di fondazione e muri in c.a.”, oltre che sottolineare problemi sismici sulla struttura sempre su travi e pilastri. Tali verifiche, sempre a parole dell’attuale amministrazione, sembrerebbero oggi soddisfatte anche se ancora non sono stati pubblicate relazioni a sostegno di tale teoria.
Mentre prendendo in esame le altre relazioni inerenti alla scuole materne “Girotondo” di Montalbano, l’asilo nido Pollicino e la scuola media “Serpieri”  si riscontrano delle “evidenti carenze all’azione sismica”….e stiamo descrivendo solo 4 scuole, mancano ancora le relazioni di 14 edifici pubblici!

Ora, sentire un assessore dell’attuale Giunta, commentando su facebook l’operato dell’Amministrazione, dire: “siamo intervenuti con la massima tempestività e per la sicurezza dei bambini (…). Effettueremo gli interventi necessari durante la pausa estiva” ci sembra una assurdità.

Sia perché la normativa tecnica entrata in vigore nel 2008 è molto piú severa, rispetto alla precedente, nei termini di sicurezza sismica, tanto che nell’ultimo consiglio comunale l’assessore Gabellini affermava che la non conformitá delle scuole nei confronti dell’attuale N.T.C. era “facilmente intuibile” ed inoltre sosteneva che “delle verifiche e dei controlli erano giá stati fatti nel 2008”, quindi è impossibile parlare di massima tempestività e sicurezza per i bambini.

Inoltre con delibera di Giunta Comunale n. 22 del 24 febbraio 2014, pubblicata solo il 2 aprile scorso, sono stati dati degli indirizzi all’ufficio tecnico, senza però prevedere le necessarie risorse finanziarie (bilancio di previsione???).

In  quell’edificio sarà collocato uno dei seggi elettorali, per cui solo dopo le elezioni, l’insediamento della nuova Amministrazione e l’approvazione del bilancio di previsione 2014 (fine luglio 2014???) partirà un bando di gara e quant’altro….quindi sarà totalmente impossibile fare i lavori nella pausa estiva.

Ma facciamo un passo indietro.

Consiglio Comunale n. 49 del 17 settembre 2012. Ad una interpellanza di Mentelocale risponde un importante Assessore, con testuali parole: “Oggi solo dopo gli avvenimenti dell’Emilia, affrontare il tema della sicurezza sismica può apparire come elemento di facile strumentalizzazione che, per evidenti motivi, fa presa sulla gente. Questa Amministrazione comunque non corre questo pericolo, in quanto, in momenti diversi, si è impegnata nell’affrontare tali problematiche. E’ stato redatto già dieci anni fa il Piano di Protezione Civile, piano che ancora oggi ci viene richiesto dai Comuni limitrofi per ripercorrerne le metodologie realizzative… Per quanto riguarda gli immobili, questo Ente è sempre stato attento a tale problematica ed ha partecipato a tutte le forme di contribuzioni per redigere progetti di adeguamento sismico e poi realizzarli. Le strutture scolastiche sono state analizzate da un tecnico abilitato che ne ha certificato la rispondenza alle norme sismiche” (??? dal settembre 2012 ad dicembre 2013 non è cambiato nulla in materia di normativa sismica). Per gli altri immobili, quelli di più vecchia costruzione, è in fase di realizzazione una compiuta analisi che ci permetterà di avere un quadro complessivo, non solo sotto il profilo sismico ma anche per la prevenzione incendi. Questa Amministrazione non intende, così come non ha mai fatto, risparmiare sulla sicurezza e metterà in atto tutte le iniziative necessarie a garantire una permanenza sicura all’interno degli immobili di sua proprietà”.

In conclusione come diceva il grande Totò “ è sempre la somma che fa il totale”, quindi ci viene da dire che la giunta, di cui fa parte il candidato Sindaco per il Centro Sinistra, non riteneva la sicurezza delle scuole (e dei ragazzi) una priorità da salvaguardare.

La storia noi l’abbiamo scritta, la morale la lasciamo a chi legge.

Annunci