Pubblicato in: rassegna stampa

Questo dibattito non s’ha da fare

foto 3

 

 

 

 

 

 

 

Pubblichiamo con molta tristezza questo articolo.

Tristezza che nasce dall’ occasione persa di potere informare correttamente i cittadini in vista delle prossime elezioni.
L’ obiettivo era di renderli partecipi, informati, di fornire loro il maggior numero possibile di nozioni, e di farlo INSIEME.
Insieme – per noi -deve diventare l’ abitudine, deve essere qualcosa di imprescindibile, deve essere un valore.
INSIEME è una parola che potete solo scrivere su ogni vostro volantino, programma o bandiera, ma che poi non riuscite a mantenere.
Insieme, dobbiamo discutere e dare spiegazioni, quelle spiegazioni che forse sono alla base del rifiuto di ieri, infatti, le domande fanno paura quando si è sbagliato qualcosa.
Ed è normale che dibattere da luoghi sicuri, sia più semplice, più confortevole.
Troppe volte ci hanno accusato di non voler “fare cose insieme” di essere “individualisti”.
Bene. Ora è chiaro che avevano ragione.
Siamo individualisti perché consideriamo la cittadinanza un corpo unico, consideriamo il prossimo importante ed in grado di decidere  tanto quanto noi, CI consideriamo una COMUNITA’ e come tale tratteremo il prossimo.
Quel senso di COMUNITA’ che da il coraggio di fare scelte difficili, di portare avanti progetti ambiziosi, di sognare ancora che un mondo migliore sia possibile, di non avere PAURA del domani che ci attende.
E si, noi non facciamo le cose insieme a chi non ha questi valori, a chi crede che la politica sia il raggiungimento di un PROPRIO obiettivo, a chi per anni ha contribuito a creare il mondo presente e che promette durante la campagna elettorale un inversione di marcia. Noi c’eravamo, vi abbiamo visti, vi abbiamo studiati, vi abbiamo capiti. E non vogliamo fare insieme a voi le cose che state facendo da soli.

NOI non vi crediamo. E non siamo i soli.

E forse sbagliamo. E forse sbagliano.

Ma oggi un’ importante occasione di confronto è stata persa.

Grazie a  VOI.

#vinciamonoi

Annunci